L’Istrice

Filed in Articoli by on 10 luglio 2014

Molto spesso si confonde l’istrice con il riccio e viceversa, ma in realtà sono due animali completamente diversi accumunati, in parte, dalla strategia difensiva. L’istrice (Hystrix cristata) ,a differenza del riccio (Erinaceus europaeus), è un roditore, quindi si nutre di vegetali. È uno dei più grandi animali appartenenti a questa famiglia, raggiungendo fino gli 80 cm di lunghezza. Presenta sulla schiena una pelliccia “anomala” in cui molti peli sono trasformati in aculei, mossi e direzionati da una potente muscolatura ipodermica. Si nutre di vegetali, specialmente frutta, tuberi, bulbi e radici, che si procura scavando il terreno con le possenti unghie. È un animale con abitudini notturne, e durante il giorno passa molte ore a dormire all’interno della tana, una cavità nel terreno naturale o scavata da altri animali. Ha abitudini schive e quando si sente in pericolo, grazie alla sua muscolatura sviluppata, riesce a drizzare ed indirizzare gli aculei verso il predatore. Inoltre, grazie alla conformazione particolare di alcuni aculei,cavi, per scuotimento produce un suono molto forte in grado di far desistere il predatore da un possibile attacco. A differenza di quanto si possa pensare, gli aculei non vengono lanciati, ma, essendo come peli, vengono persi e cambiati periodicamente, facendo si che si rinvengano con facilità lungo i sentieri di campagna. Si rinviene, principalmente, in un ambiente di macchia bassa, bosco misto in prossimità di campi coltivati e radure. In Europa è presente solo in Italia, si crede che l’animale sia stato reintrodotto durante il periodo dei Romani per poi naturalizzarsi. È presente fino a 900 m di altezza e occupa esclusivamente il centro sud del paese. La specie, nonostante sia cacciata non è a rischio di estinzione, e la popolazione, anche se lentamente, sta crescendo di numero.

Istrice

Tags: , , ,

About the Author ()

Coop. Climax, dal 1999 impegnata nella divulgazione scientifica in campo naturalistico. Si occupa di attività di fruizione all'interno delle riserve di Roma, di campi scuola e stage formativi per studenti universitari.

Comments are closed.