Il condominio del bosco

Filed in Articoli by on 10 luglio 2014

Passeggiando all’interno di un’area naturale boschiva, spesso ci si imbatte in resti di alberi caduti o tronchi marcescenti. Tali residui non devono essere considerati come qualcosa di morto e sterile, ma come veri e propri aggregati di esseri viventi. Infatti, se si prova ad alzare il tronco o a sollevare la corteccia, si noterà al suo interno una miriade di forme di vita; i funghi, primi organismi pionieri,poi muschi, licheni e insetti xilofagi. Questi, hanno nei loro apparati digestivi particolari enzimi e protozoi flagellati simbionti che consentono la digestione di sostanze lignificate. Si possono individuare tre tipologie di insetti xilofagi:
Corticicoli – che si nutrono di floema (vasi conduttori delle piante responsabili del trasporto della linfa)
Corticicoli-lignicoli – le cui larve si nutrono di floema e scavano gallerie a diversa profondità nello xilema (parte dedicata al trasporto dell’acqua) al momento dell’impupamento
Lignicoli – si sviluppano nello xilema di piante vive, di piante morte o di legname.
Tra questi ricordiamo i tarli (genere Anobium) che allo stadio larvale, scavano nel legno lunghe gallerie e, raggiunto lo stadio adulto, fuoriescono attraverso un foro, oppure i coleotteri Lucanidi, tra i più grandi coleotteri esistenti le cui larve, bianche e incurvate a “C”, dette melolontoidi, vivono nel legno (di solito marcio) di vecchi alberi morti o morenti. A questa famiglia appartengono i cosiddetti “cervi volanti” (Lucanus cervus) il cui nome deriva dalle grandi mandibole simili a corna di cervo. Oltre i funghi ed insetti trovano rifugio, spesso sotto la corteccia, crostacei ispodi come il “porcellino di Sant’Antonio” (Armadillidium vulgare), centopiedi tra cui ricordiamo le scolopendre (Genere Scolopendra), millepiedi, e anche piccoli anfibi e rettili, che trovano rifugio sotto i tronchi umidi dalle ore più calde della giornata.

bosco

Tags: , , , ,

About the Author ()

Coop. Climax, dal 1999 impegnata nella divulgazione scientifica in campo naturalistico. Si occupa di attività di fruizione all'interno delle riserve di Roma, di campi scuola e stage formativi per studenti universitari.

Comments are closed.